fbpx

Quando nacque lei

fu un destino (karma) inaspettato.

Percepii subito che di lì a poco sarei morto, per rinascere diverso.

Proprio il buddismo include nelle 4 principali sofferenze della vita 

“Nascita e Morte”.

Due aspetti fondamentali della vita.

Ogni volta che cambia la tua vita, nasce e muore qualcosa in te.

Ogni volta che cresci nasce e muore qualcosa in te.

Ogni volta che accetti un cambiamento nasce qualcosa di nuove e muore qualcosa di vecchio.

Il passaggio di quei momenti è sofferenza. Pura.

L’equilibrio è virtù.

Nelle mie molteplici nascite e morti ho sofferto,

ma via via che la vita è avanzata ho imparato ad attutire colpi

Ho allenato l’equilibrio a sostenermi nelle rinascite

Ho allenato il mio Io a sostenermi nonostante le botte.

Il giusto sta nell’equilibrio, trovare una forma di dialetto con se stessi.

Ascoltarsi e conoscersi e “Se sai di non sapere è già molto” (Cit. Socrate)

L’arroganza porta squilibrio.

Lasciarsi andare troppo alle emozioni porta squilibrio.

L’equilibrio vitale è la consapevolezza del tempo e del luogo in cui vivi,

è la cognizione di quello che ti serve e di quello che ti salva.

L’equilibrio vitale è la vita stessa,

e non esiste un luogo, oltre a te stesso,

in cui puoi ritrovare la voglia di morire

per rinascere migliore di ieri e più forte per domani.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: